Seleziona una pagina

FENG SHUI cos’è e cosa fa??

Spesso mi capita di trovarmi a spiegare ai miei clienti i motivi delle mie SCELTE PROGETTUALI e spesso la mia risposta è: Per le buone regole del FENG SHUI!

Ecco, qui, solitamente cominciano a guardarsi intorno!.. Mi rendo conto che effettivamente non tutti conoscono questa antica pratica cinese chiamata appunto FENG SHUI e in questo articolo voglio darvi una piccola spiegazione di tutto ciò!

Cominciamo dalla parola che letteralmente significa “Vento su Acqua”, se osserviamo effettivamente la natura possiamo trovare solo due elementi che si muovono: l’acqua e il vento! il FENG SHUI tratta gli elementi principali della vita, quali, la terra, il fuoco ed il legno, ma questi non sono simbolo di movimento come lo sono l’acqua ed il vento!

Nella natura libera il vento può andare dove vuole, nelle nostre case, uffici, negozi invece no! ecco da qui l’utilizzo del FENG SHUI nell’architettura e quindi nei nostri progetti.

Il FENG SHUI in sostanza analizza interpreta ed usa il movimento dell’energia. Per questo possiamo applicarlo ovunque ci sia movimento di persone, di cose, di denaro, di pensiero, di sentimenti, di emozioni, cioè di ENERGIA. Ci parla del movimento dell’energia dentro e intorno a noi, ci aiuta a sintonizzarci meglio con il mondo che ci circonda ed a raggiungere più facilmente e più armoniosamente il silenzio e la felicità che ci competono.

Il FENG SHUI fu sviluppato dalla semplice osservazione che l’uomo viene influenzato NEL BENE e NEL MALE dall’ambiente che lo circonda, ogni collina, edificio, casa, stanza, porta, finestra e angolo, e il modo nel quale si collocano verso il vento e l’acqua è importante. Da questo consegue che se tu riesci a cambiare il tuo ambiente riesci a cambiare la tua vita. La meta del FENG SHUI è la totale ARMONIA con l’ordine naturale, la quale, se raggiunta, porterà felicità, salute e prosperità, considerate le tre benedizioni dell’uomo dai saggi cinesi.

continerò ad approfondire questo articolo non appena possibile…

Grazie per l’attenzione

Vincenzo Bruno.

 

Pin It on Pinterest